mercoledì 14 maggio 2008

ACCIPICCHIA...... CHE BANCA!

Mediobanca sbarca nel settore retail

Si chiama CheBanca! e conta già nove sportelli su tutto il territorio nazionale, la nuova rete di istituti bancari retail lanciata da Mediobanca con lo scopo di offrire alla clientela prodotti semplici, costi ridotti ed un tasso di interesse fino al 4,7% lordo annuo, sfruttando il canale Internet e call center. Il progetto è stato presentato dal consigliere delegato di Mediobanca Alberto Nagel, dal presidente del consiglio di gestione, Renato Pagliaro e dall'amministratore delegato del nuovo istituto Christian Miccoli, proveniente dal colosso bancario Ing Direct, da molti considerato giustamente il "papà" del famoso Conto Arancio, prodotto in grado di strappare molti clienti alle banche italiane, ed ora pronto ad affrontare una nuova sfida, quella di arrivare a 110 filiali in tre anni, con un investimento di oltre 100 milioni di euro. Nei piani alti di Mediobanca si respira un'aria nuova, e già c'è qualcuno che si sbilancia nelle stime, l'ambizione è infatti quella di arrivare entro il 2010 a 400mila clienti, per 13 miliardi di euro di raccolta, di cui 6 miliardi di impieghi. Innovativa la formula della nuova banca, a partire dal nome, che richiama non a caso un effetto di sorpresa e stupore, dal colore scelto, il giallo ed il fatto che le filiali sono completamente aperte al pubblico ed hanno la caratteristica di far sedere il cliente affiancato al personale. I prodotti di punta offerti da Che Banca! sono due: il conto deposito, gratuito, che riconosce interesse annuo fino al 4,7% al momento del versamento, e il conto tascabile, uno strumento simile al conto corrente che ha un costo di un euro al mese, compresi bancomat e carta di credito. A completare l'offerta ci sono poi il conto corrente e i mutui.

di Alessandro Nanni

Nuovo virus colpisce mezzo milione di pagine web

Si tratta di un trojan rilevato dai laboratori della Trend Micro
Trend Micro ha rilevato un attacco Web che ha compromesso oltre mezzo milione di pagine online. Sui siti colpiti è stato inserito uno script maligno (JS_SMALL.QT) derivante da una implementazione inadeguata del pacchetto PHP Bulletin Board (o phpBB, un noto programma software per la gestione di forum su Internet). Collegandosi a un sito infetto, gli utenti vengono a loro volta contagiati con una variante della famiglia ZLOB (TROJ_ZLOB.CCW) che finge di installare un codec video. Quando i visitatori scaricano i falsi codec video, effettuano in realtà il download di alcuni programmi Trojan: • TROJ_DNSCHANG.CS • TROJ_ALUREON.AE • TROJ_ALUREON.AH • TROJ_ALUREON.AI Queste tipologie di Trojan sono note per modificare il server DNS e i settaggi del browser Internet del sistema coinvolto nell'attacco, rendendolo quindi vulnerabile anche a ulteriori minacce. Molti siti Web sono già stati compromessi con messaggi di spam fasulli con contenuti farmaceutici e pornografici. Pare che la prima infezione di questo tipo sia avvenuta a febbraio 2008 e gli episodi di infezione avrebbero riguardato forum e guest book, le cui pagine online sono ora inaccessibili in quanto reindirizzano automaticamente gli utenti verso un sito pornografico per il download di un finto codec video. Secondo Ivan Macalintal, Advanced Threats Research Manager di Trend Micro, "Questo attacco è del tutto simile a quelli che rileviamo sul Web a livello mondiale; è sufficiente visitare un sito infetto per essere dirottati verso altre destinazioni online dalle quali vengono scaricate diverse forme di malware". Il codice malware risiede su server situati a Columbus (in Ohio), a Concord (in California) e a Mosca. Questo attacco è molto probabilmente opera di una organizzazione cyber-criminale russa/ucraina già responsabile durante lo scorso anno della serie di attacchi ZLOB. La tecnologia di protezione dalle minacce Web sviluppata da Trend Micro riesce a bloccare possibili contagi vietando l'accesso alle pagine pericolose. Gli esempi di malware sopra elencati sono previsti dalla soluzione, garantendo così una tutela superiore. Per maggiori informazioni su questa minaccia e su altri attacchi: http://blog.trendmicro.com Per gli utenti domestici, Trend Micro ha reso disponibile un nuovo strumento denominato Web Protection Add On che incrementa ulteriormente il livello di protezione per gli utenti. Per scaricare il nuovo tool: http://us.trendmicro.com/us/products/enterprise/web-protection-add-on/. Gli utenti possono inoltre effettuare la scansione dei loro computer con HouseCall, lo scanner gratuito online per il rilevamento del malware messo a disposizione da Trend Micro all'indirizzo http://housecall.trendmicro.com.

FONTE: itnews.it

Carburante ecologico? Fai da te......

In vendita la prima macchina per produrre l'etanolo in casa attraverso la fermentazione dello zucchero
NEW YORK - Dagli Stati Uniti un dispositivo che permette di produrre carburante ecologico fai da te in modo semplice ed economico. Si chiama MicroFueler e altro non è che un piccolo impianto portatile in grado di trasformare lieviti e zucchero in etanolo da utilizzare per l'alimentazione delle automobili.

IL DISPOSITIVO - L'apparecchio - nell'aspetto simile a una piccola pompa di benzina - è venduto da E-Fuel Corp al prezzo di 10 mila dollari. Certo non sarà alla portata di tutti, ma l'azienda produttrice assicura che l'investimento iniziale viene ripagato in breve tempo, poiché un litro di etanolo ottenuto tramite il MicroFueler dalla fermentazione dello zucchero costa meno di 15 centesimi di euro. Così, per esempio, al prezzo attuale della benzina, una famiglia dotata di due automobili che percorrono un totale di circa 55 mila chilometri all'anno ammortizzerebbe il costo in meno di due anni. Da lì in avanti sarebbe tutto risparmio. Senza contare la comodità di avere in casa il proprio distributore: occorre solo collegarlo alla rete elettrica e all'impianto idraulico domestico, dopodiché il rifornimento avviene esattamente come dal benzinaio, tramite la pompa, direttamente nel serbatoio dell'auto.

ETANOLO PURO - Il distillatore è in grado di produrre fino a 132 litri di carburante a settimana, ma la particolarità che distingue il dispositivo di E-Fuel dagli impianti già sperimentati in passato è il fatto che in questo caso l'etanolo è puro al 100 per cento, poiché gli speciali filtri di cui è dotato l'apparecchio sono in grado di rimuovere completamente l'acqua. Mentre solitamente è necessaria una ulteriore fase di distillazione per l'eliminazione dell'acqua, ovviamente con costi aggiuntivi. Il MicroFueler sarà presto prodotto in Cina, Stati Uniti e Inghilterra, e il produttore ha già annunciato di avere in programma una versione per uso commerciale che sfrutti anche altre materie prime.

Fonte: Alessandra Carboni www.corriere.it

Inghilterra: sicurezza hi tech con lo scanner facciale ai check-in

Prego si accomodi, rimanga fermo un attimo, click, ed ecco fatto... Tutti i passeggeri dei voli in partenza e in arrivo agli aeroporti britannici saranno sottoposti a scansione facciale, per motivi di sicurezza, a partire della prossima estate. E' quanto trapela da una notizia pubblicata dall'autorevole quotidiano inglese Guardian, spiegando che la rilevazione verrà confrontata con i dati biometrici impressi nei microchip dei nuovi passaporti biometrici. Il nuovo sistema di controllo sarà infatti sottoposto, inizialmente, a tutti i cittadini britannici e dell'Unione Europea che esibiranno questo tipo di documento identificativo. La forza di polizia britannica è soddisfatta della trovata, infatti il metodo sarà più efficace dei controlli precedenti ed eviterà possibili frodi sull'identità dei passeggeri. Fonte di preoccupazione per le autorità britanniche, potrebbe essere la reazione dei cittadini: cosa succederebbe in caso di errato accostamento o sovrapposizione dei dati di un innocente cittadino con un criminale? Per questo i poliziotti britannici hanno pensato ad una verifica in una seconda fase ancora affidata ad occhi umani. L'obiettivo del ministero dell'Interno, in ogni caso, è quello di arrivare alla scannerizzazione del 95% dei passeggeri entro dicembre del 2010.

Fonte: www.rainews24.rai.it

Elicottero da guinness dei primati verrà presentato a Vinci


E' il piu' piccolo al mondo, ed è stato creato in omaggio al grande Leonardo
Proprio per ricordare il grande Leonardo da Vinci, autore del primo progetto di elicottero della storia, sarà presentato nella ridente cittadina di Vinci l'elicottero più piccolo al mondo. Il mini-velivolo, inventato e realizzato dal formidabile giapponese Gennai Yanagisawa, 75 anni, ha avuto lo scorso febbraio il giusto riconoscimento internazionale del Guinness dei Primati. Durante l'evento, in programma il 25 maggio, l'inventore si esibirà in un breve volo. Il mezzo, che e' alto 2,4 metri e pesa 75 kg, presenta un piccolo motore con 2 coppie di eliche da 4 metri l'una.

EXTRACT OF THE NEWS IN ENGLISH LANGUAGE
Italy - The smallest Helicopter in the world (inserted in the international guinness book) created by the japanese Gennai Yanagisawa (75 years old) ll' be presenting, in the little city of Vinci (Italy) for remember the great Leonardo da Vinci, first inventor of the helicopter......