domenica 8 giugno 2008

Medicina: nell'uva rossa viene custodito l'elisir di lunga vita

Ebbene sì, nella buccia dell'uva rossa è presente una sostanza chimica che funziona da elisir di lunga vita e che potrebbe essere presto venduta in farmacia. A quanto riferisce il tabloid "Mail on Sunday", una delle più importanti multinazionali del settore farmaceutico, GlaxoSmithsKline, ha appena comprato una compagnia co-fondata nel 2004 da un professore americano di medicina proprio per sviluppare una forma sintetica del resveratrol (cosi' chi chiama la sostanza anti-invecchiamento). L'ennesima conferma che anche il frutto dal quale si ricava il vino, può permettere a qualsiasi individuo di poter prolungare la propria vita.






FONTE: ANSA

CARO-PETROLIO, ALLARME G8

AOMORI (GIAPPONE) - I Paesi del G8, più Cina, India e Corea del Sud, ritengono vi sia "la necessità" che i Paesi produttori di petrolio aumentino gli investimenti per fare in modo che l'offerta sia idonea a far fronte al rialzo della domanda. Lo si legge nel comunicato congiunto diffuso al termine della riunione di Aomori nel quale si sottolinea pure l'invito ai Paesi consumatori a "massimizzare gli investimenti nella propria produzione di energia".



NUOVA PARTNERSHIP INTERNAZIONALE SU EFFICIENZA
- Il Gruppo degli Otto Grandi, insieme a Cina, India e Corea del Sud, lanciano la International partenrship for energy efficiency cooperation (Ipeec), iniziativa che vuole sviluppare cooperazione e partnership internazionali sulle migliori pratiche per "ottimizzare i consumi e l'efficienza energetica", anche nel rapporto pubblico-privato. Lo si legge nel comunicato congiunto, diffuso al termine della riunione di Aomori (nel nord del Giappone), nel quale i rappresentanti dei paesi consumatori di circa i due terzi dell'energia a livello mondiale ribadiscono l'allarme e "la forte preoccupazione per i livelli raggiunti dal petrolio".

SENZA MISURE RISCHIO RECESSIONE - Il record dei prezzi del petrolio possono scatenare una recessione globale. Nel giorno della riunione ministeriale del G8 sull'energia di Aomori (nel Giappone settentrionale), alla quale partecipano pure Cina, India e Corea del Sud, il titolare del dicastero nipponico, Akira Amari, lancia l'allarme perché le attuali quotazioni del greggio costituiscono "un'anomalia e un'estrema sfida" su scala globale. In mancanza di provvedimenti e misure urgenti e mirate, rileva ancora, nel corso dei lavori, "il rischio concreto è di dover fare i conti con una pericolosa recessione". La questione energetica e il cambiamento climatico globale sono "due facce della stessa medaglia". I risultati delle discussioni di Aomori saranno parte della base dei temi in calendario nella riunione dei capi di Stato e di governo Stato del G-8 paesi del prossimo mese a Toyako, nell'isola di Hokkaido. Il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, ha da parte sua illustrato nella sessione del mattino ha illustrato una sintesi della dichiarazione conclusiva del Foro internazionale dell'energia (Ief 2008), tenutosi a Roma ad aprile, ponendo in evidenza la parte relativa all'esigenza "di identificare gli strumenti più efficaci per potere raggiungere una maggiore stabilità nei mercati energetici mondiali". Tutto questo, facilitando "gli investimenti e incoraggiando l'innovazione tecnologica" in vista di uno sviluppo sostenibile e attento all'ambiente.

FONTE: ANSA

EUROPEI 2008: GIRONE A, PORTOGALLO-TURCHIA 2-0

Due gol, tre legni, un'altra rete annullata che forse era regolare, un gioco per molti aspetti spettacolare: il Portogallo inizia nel migliore dei modi, l'avventura europea battendo per 2-0 la Turchia con un gol di Pepe e uno di Raul Meireles, entrambi siglati nella ripresa (16' e 47'). E Ricardo ha dovuto sporcarsi i guantoni soltanto per qualche uscita. A questo punto il Portogallo balza al comando del girone A con la Repubblica Ceca che in precedenza si era imposta per 1 a 0 contro i padroni di casa. Fuori Quaresma tra i lusitani, la Turchia ha provato a difendersi: é un buon Portogallo, che si accende quando Deco e Ronaldo mettono in mostra le loro qualita': possesso palla, dribbling, accelerazioni. E una visione di gioco, quella dell'asso del Barcellona, che al 17' manderebbe anche in gol Pepe: il guardalinee pero' annulla per un fuorigioco davvero dubbio. Dalla mezz'ora il Portogallo ingrana la marcia giusta e la Turchia e' costretta a subire. Inizia Simao (29') con una punizione alta, prosegue Ronaldo (gran numero concluso pero' con un tiro debole) che si ripete in maniera ben piu' pericolosa al 38': la posizione e' decentrata, ma il bolide del fuoriclasse attraversa tutta l'area e incoccia il palo a Volkan battuto. Ancora Portogallo: Deco lancia Moutinho, destro al volo e salvataggio di Servet. Ancora portoghese l'avvio di ripresa: erroraccio di Gokha, Simao tocca per Nuno Gomes che calcia a botta sicura ma trova anche lui il palo. Al 56' c'e' Ronaldo, slalom e tiro: para Volkan. Al 61', ecco il meritato vantaggio: Pepe, strepitosa progressione, chiede e ottiene al limite dell'area l'uno-due con Nuno Gomes, calcia e, con la deviazione di Servet, scavalca Volkan: 1-0. Ci prova solo Nihat nella Turchia, mentre dall'altra parte Deco illumina, Ronaldo crossa e Nuno Gomes viene fermato ancora da un legno. La Turchia ci prova, senza costrutto: e allo scadere, il contropiede Ronaldo-Moutinho manda Meireles al 2-0.

FONTE: ANSA