mercoledì 30 luglio 2008

Batteri: vita dura per loro, arriva la pellicola che li uccide

Ricercatori del Politecnico federale di Zurigo hanno sviluppato, con l’aiuto della nanotecnologia, una pellicola speciale che uccide i batteri. Se utilizzata negli ospedali può annientare i germi che conducono frequentemente a gravi patologie. Il gruppo di scienziati dell’Istituto di chimica e scienze bioingegneristiche guidato da Wendelin Stark ha realizzato una pellicola sintetica ricoperta da nanoparticelle di argento e fosfato tricalcico, spiega il Politecnico in una nota odierna. Da millenni si sa che l’argento ha effetto antisettico e disinfettante e da tempo è pure noto che i batteri si nutrono di fosfato tricalcico. Sulla pellicola i batteri assorbono quindi, oltre al fosfato tricalcico, anche le particelle di argento grandi 1-2 nanometri (ossia 1-2 milionesimi di millimetro), che li uccide ed impedisce che si moltiplichino. Stando al Politecnico, la nuova combinazione è ad esempio fino a mille volte più efficace contro i colibatteri, causa di infezioni intestinali, che i preparati a base di argento esistenti: nel giro di 24 ore ne è stato distrutto fino a un milione. La pellicola viene prodotta da una società lucernese e dovrebbe essere utilizzata tra l’altro nell’industria alimentare e negli ospedali. Applicandola ad esempio alle maniglie delle porte, agli impianti sanitari e ai letti dei nosocomi si possono annientare pericolosi germi all’origine di numerose malattie.

FONTE: lastampa.it

In Italia 8,5 milioni di gatti, 560mila sono neri

La scaramanzia ne uccide 40mila l'anno

In Italia i gatti neri sono 560mila su un totale di circa otto milioni e mezzo di felini, per lo più localizzati in Lombardia. E' quanto emerge dal primo censimento nazionale dei gatti promosso dall'Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa). Secondo lo studio, sono 5,9 milioni i gatti di proprietà mentre i randagi non supererebbero i 2,7 milioni. Un vero esercito che ha la sua base strategica in Lombardia dove l' Aidaa ha calcolato la presenza tra le mura domestiche di 997mila gatti mentre 211mila sarebbero senza padrone.
Nel Lazio 917mila animali. Al secondo posto della graduatoria si trova il Lazio con circa 917mila animali casalinghi e 401mila randagi e al terzo gradino l' Emilia Romagna con circa 648mila unità, oltre a 96.800 quattrozampe in libertà. Fanalino di coda, la Valle d'Aosta: circa 13.800mila animali "casalinghi" e 14.200 in libertà.
Sul fronte dei gatti neri, secondo l'Aidaa, sono 560mila quelli censiti nella Penisola e ben 40mila quelli che, spiega l'associazione, trovano la morte per questioni legate alla superstizione. «Sono dati presunti ma non molto lontani dalla realtà - dice il presidente dell'Aidaa, Lorenzo Croce - quelli contenuti nel primo censimento dei gatti domestici dell'Aidaa che tra l'altro non si discostano di molto dai dati del ministero della Salute. Quello dei felini - spiega Croce - è un vero e proprio esercito che meriterebbe quantomeno una politica di controllo e tutela maggiore rispetto a quella fino ad oggi attuata».

FONTE: ilmessaggero.it

Karadzic estradato all'Aja

L'aereo con a bordo l'ex leader serbo bosniaco atterrato in Olanda. Sarà giudicato per genocidio

ROTTERDAM - Radovan Karadzic è in carcere all'Aja. L'ex leader serbo-bosniaco è arrivato nel centro di detenzione del Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia(Tpi), a Scheveningen. Il Tpi lo giudicherà per i crimini commessi durante la guerra di Bosnia negli anni tra il 1992 e il 1995. L'aereo con a bordo l'uomo che per anni si è sottratto alla giustizia mascherandosi dietro una falsa identità (quella del «dottor Dabic») era atterrato come previsto alle 6.30 di questa mattina all'aeroporto di Rotterdam.
RICORSO - Karadzic aveva lasciato il tribunale speciale di Belgrado alle 3.45, dopo la firma sull'atto di estradizione del ministro della Giustizia Snezana Malovic: il ricorso, presentato in ritardo dai legali di Karadzic, non è stato infatti preso in considerazione.
MANIFESTAZIONE - Karadizc è stato scortato all'aeroporto di Belgrado da un convoglio di auto con agenti delle forze di sicurezza a volto coperto, poche ore dopo una manifestazione di solidarietà degli ultranazionalisti serbi in cui 45 persone, per lo più poliziotti, sono rimasti feriti.
LE ACCUSE - Karadzic sarà adesso giudicato dal Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia (Tpi): 11 i capi d'accusa nei suoi confronti, tra cui quelli gravissimi di genocidio e crimini di guerra.

FONTE: corriere.it

Russia: stabilito il record del mondo di immersione in acque dolci

Raggiunti 1680 metri di profondità
Un piccolo sottomarino russo è sceso ieri sul fondale del lago Baikal, in Siberia, alla stratosferica profondità di 1.680 metri, per studiare l'ecosistema presente, stabilendo in questo modo il record mondiale di immersione in acque dolci. Lo hanno annunciato l'agenzia russa Itar-Tass e la televisione russa Vesti 24. Il capo della spedizione, Artur Tchilingarov, è stato già l'artefice dell'operazione che ha consentito di piantare una bandiera russa a oltre 4.000 metri sotto il Polo Nord nell'agosto 2007. (Afp)

FONTE: corriere.it