lunedì 15 settembre 2008

Spazio: sarà italiano l'astronauta più giovane del mondo

Kim Marco Viberti protagonista dell' esperimento Spaceland

Sarà italiano il più giovane astronauta del mondo. Si chiama Kim Marco Viberti, undici anni e si sta preparando alla nuova missione di Spaceland. Sarà un volo in totale assenza di gravità, e partirà dalla pista dello Shuttle situata al Kennedy Space Center, in Florida. L'obiettivo del decollo é quello di avviare una nuova campagna medico-scientifica. Spaceland infatti é il primo programma spaziale non governativo che sperimenta gli effetti dell'assenza di gravità. Davvero un record invidiabile per il nostro Paese, all'avanguardia nel settore della ricerca spaziale.

FONTE: ansa.it

Georgia, via libera alla missione dell'Unione Europea

Via libera dei ministri europei alla missione di polizia Ue in Georgia mentre monta la tensione sulle scelte militari preventive di Mosca e Bruxelles. Il 'si' dei 27 paesi riuniti a Bruxelles ai 200 osservatori della Eumm (European union monitoring mission) e' arrivato di prima mattina. Le forze, come annunciato in precedenza, verranno spiegate per monitorare le aree di crisi in Sud Ossezia e in Abkhazia e l'attuazione del piano di pace tra Mosca e Tbilisi. L'Unione europea e' pronta a mandare il contingente di osservatori civili nelle regioni separatiste dell'Ossezia del sud e dell'Abkhazia, ha detto l'Alto rappresenta Ue per la politica estera Javier Solana, aggiungendo comunque che si aspettera' di vedere "come si evolve la situazione". Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha voluto poi precisare che si trattera' di un compito di "polizia in senso ampio, non solo di osservazione". "Nelle prospettive di medio periodo, l'Ue ha chiesto di piu' - ha aggiunto il ministro - ed ovviamente lo dovra' negoziare". Il piano, al quale daranno via libera i ministri degli esteri dell'Ue riuniti a Bruxelles, prevede a partire dal 1 ottobre il contributo militare di Francia, Germania e Italia (quest'ultima impieghera' 40 uomini) con esperti militari, di polizia e dei diritti umani. Il tutto mentre da parte la Russia spieghera' nelle regioni separatiste di Sud Ossezia e Abkhazia 7600 uomini. Gli accordi di cooperazione tra la Russia e le due repubbliche separatiste Sud Ossezia e Abkhazia, avranno anche una "componente militare" ha nuovamente precisato oggi il presidente russo Dmitri Medvedev, ricordando che firmera' in settimana "un'intesa speciale sulla creazione di legami amichevoli con questi due nuovi soggetti di legge internazionale". In un colloquio con la rivista Limes Medvedev e Putin hanno confessato poi apertamente la loro posizione nei confronti degli Usa: "Le decisioni unilaterali americane stanno distruggendo l'Occidente" hanno affermato i due leader russi facendo capire che Mosca ora non ha piu' voglia di scherzare. E mentre si continuano ad evocare le sanzioni da parte dell'Occidente, Medvedev ha detto ha chiare lettere che la Russia rispondera' con la stessa moneta: " Le perdite - ha affermato rassicurando gli imprenditori - avranno carattere simmetrico". Mentre la Russia alza i toni la Nato arriva a Tbilisi per la sua missione di solidarieta' alla popolazione georgiana. Il segretario Jaap de Hoop Scheffer ha usato dichiarazioni forti contro Mosca parlando di uso della forza "indiscriminato". In un'intervista al Financial Times pero' il numero uno dell'alleanza atlantica ha quasi sfiorato la 'gaffe' diplomatica con Bruxelles definendo "inaccettabile" il patto Ue che consente alla Russia di mantenere il presidio militare nelle regioni separatiste. Immediato l'intervento dei portavoce che hanno precisato: nessuna critica della Nato alla Ue solo a Mosca.

FONTE: agi.it

Simpson vincono i Creative Arts Emmy Awards

I Simpson sono ancora una volta il miglior cartone animato della televisione americana. Lo show creato da Matt Groening ha infatti vinto il suo decimo Creative Arts Emmy Awards, la categoria dei premi Emmy, assegnati dalla Academy of Television Arts & Sciences, dedicata agli "addetti ai lavori" e agli aspetti tecnici delle produzioni televisive. I Simpson, che il prossimo anno celebreranno il loro ventesimo anniversario, non potevano festeggiare in maniera migliore e hanno ricevuto il riconoscimento nel corso della Sessantesima edizione del premio, che si è svolta lo scorso fine settimana a Los Angeles e andrà in onda in tv negli Stati Uniti nei prossimi giorni. I Creative Arts Emmy Awards sono il preludio dei più importanti Primetime Emmys, considerati gli Oscar della televisione, che si terranno il prossimo 21 settembre. Oltre ai celebri Simpson, a farla da padrone è stata la serie John Adams, che racconta la storia del secondo presidente Usa e si è meritata ben otto premi. Anche un nuovo telefilm, Mad Men, alla sua seconda stagione, ha fatto un'ottima figura e ha vinto quattro Emmy, mentre la serie comica 30 Rock, interpretata da Alec Baldwin e Tina Fey, si è aggiudicata tre premi. Tra gli attori invece sono state votate come migliori "guest star" Glynn Turman, per la sua apparizione nella serie della Hbo, In Treatment, e Cynthia Nixon, l'ex-star di Sex and the City, per la sua partecipazione nella serie del canale Nbc, Law & Order: Special Victims Unit.

FONTE: ansa.it

Wi - fi: nasce a Pisa la rete più veloce del mondo

Ricercatori italiani e giapponesi hanno trasmesso dati alla velocità di 1,2 terabit al secondo

Il record mondiale è stato stabilito alle quattro del mattino di venerdì 5 settembre. Scenario dell'impresa i tetti di due edifici dell'area del Cnr di Pisa, nel quartiere Cisanello, dove i ricercatori italiani della Scuola Superiore di studi universitari Sant'Anna e i giapponesi della Waseda University e del National Institute of Information and communication technology di Tokyo, hanno per la prima volta nella storia delle telecomunicazioni trasmesso dati via wireless alla velocità di 1,2 terabit, mille e 200 miliardi di bit al secondo. Il precedente record, stabilito in Corea, aveva sfiorato una velocità dieci volte inferiore.
LA RETE DEL FUTURO - Un'impresa, quella pisana, che sarà pubblicata sulle più importanti riviste scientifiche ed ha straordinarie ricadute su Internet. E, anche se la strada è ancora lunga, c'è già chi parla di una porta aperta verso il wi-fi numero 2, quello del futuro, con possibilità di avere la banda larga ovunque e a basso costo e incrementare servizi di telerobotica e telemedicina. Per la super trasmissione, l'equipe guidata da Ernesto Ciaramella, docente alla scuola di eccellenza Sant’Anna, ha usato un trasmettitore, molto simile in apparenza a un autovelox mobile, con tecnologia fotonica. «La tecnologia impiegata si chiama Fso (Free space optics) – spiega il professor Ciaramella – e i due terminali usati nell'esperimento sono stati realizzati con tecnologie ottiche e un sistema di lenti, simile a quelle di un telescopio. La banda di trasmissione raggiunta, dopo quasi dodici ore ininterrotte di esperimenti, è stata eccellente. La velocità ha superato 1,2 terabit al secondo contro i 160 gigabit raggiunti da un gruppo di ricercatori coreani».
TRASMISSIONE - In altre parole "on the air" è stata superata una velocità di trasmissione fino ad oggi raggiungibile solo con la fibra ottica. E la fibra ottica è una tecnologia costosa, perché per cablare bisogna intervenire con opere in muratura o sventrare strade come se si posassero tubature dell'acqua o del gas. L'esperimento pisano è solo agli inizi. La tecnologia Fso oggi garantisce una buona qualità soltanto su distanze di pochi chilometri. Il futuro però è dietro l’angolo con grandi potenzialità di miglioramento. Teoricamente il wi-fi del futuro può superare i venti terabit al secondo contro i 70 megabit dell'attuale wi-max. Al Ceic (un centro di eccellenza sulle telecomunicazione della Scuola Sant'Anna sponsorizzato da Ericsson Communications), stanno lavorando per risolvere anche i problemi di disturbo del segnale. «Una delle ipotesi possibile è l’impiego di una doppia tecnologia – spiega Ciaramella –: fotonica e radio». Le applicazioni future del super wi-fi spaziano dalla telepresenza, alla telemedicina e alla tele robotica. Proprio a Pisa Paolo Dario, professore di robotica, ha avviato progetti per utilizzare la rete a banda larga per comandare robot a distanza. È un po’ il sogno dell’ubiquità, perché l’automa replica a distanza di migliaia di chilometri i movimenti dell’uomo che lo comanda vestendo esoscheletri, speciali "gusci" dalle forme antropomorfe. Una telepresenza che, con reti wireless a banda larga, potrebbe diventare un sogno alla portata di tutti.

FONTE: Marco Gasperetti (corriere.it)