venerdì 17 ottobre 2008

Internet guida il futuro della pubblicità

Iab: gli investimenti per l'advertising online nel 2008 crescono del 23,3% nonostante la crisi

Gli investimenti pubblicitari sui new media nel 2008 si confermano in crescita, nonostante le incertezze legate all’attuale fase economica, con un incremento del 23,3% rispetto al 2007 e un valore complessivo di 847 milioni di euro. Sono le stime elaborate da Iab Italia per la chiusura dell’anno 2008 del mercato dell’advertising online, caratterizzato per la quarta volta consecutiva dal segno positivo e da una crescita a due cifre. «Un dato molto positivo - ha commentato da Milano dove è in corso lo Smau Layla Pavone, Presidente Iab Italia e Managing Director Isobar – e in controtendenza sia rispetto all’andamento macro-economico, in Italia e a livello internazionale, sia rispetto alla battuta d’arresto registrata dagli investimenti pubblicitari su tutti gli altri media. Grazie ai continui risultati positivi che l’advertising online garantisce in termini di perfomance, le aziende hanno riconosciuto e confermato la loro fiducia nel media digitale interattivo per eccellenza, determinandone ancora una volta il successo in termini di incremento degli investimenti». Analizzando i dati inerenti ai singoli veicoli pubblicitari si nota che mantiene un ruolo determinante il “display” (+20%) che genererà un valore pari a 348 milioni di euro e si conferma la crescita del 36,6% stimata nel primo semestre 2008 per il “search advertising”, pari a un fatturato di 280 milioni di euro. Il mercato delle “directories” registra un incremento del 13,3% con una previsione di fatturato pari a 170 milioni di euro; crescono inoltre le stime relative al mercato mobile (+20%) e all’e-mail marketing (+15%), per un valore rispettivo di 24 e 25 milioni di euro. «Le previsioni di crescita del mercato nel 2008 si confermano a due cifre, in linea con il ruolo di primo piano assunto da Internet, riconosciuto anche dagli investitori pubblicitari – ha aggiunto Monica Belgeri, responsabile dell’Osservatorio degli investimenti pubblicitari Iab Italia /AssoInternet, responsabile Marketing di Websystem Il Sole 24 Ore e membro del Consiglio Direttivo Iab Italia. Le stime formulate da Iab Italia sono frutto di un’attenta analisi volta a rilasciare al mercato dei new media una visione completa ed autorevole di tutte le tipologie pubblicitarie e di tutti gli operatori». Per comporre gli 847 milioni di euro Iab è partito dalla base forte della rilevazione Fcp Assointernet e Nielsen Media Research che comprende il fatturato delle principali concessionarie online, soprattutto di quelle operanti nella display advertising, ma ha aggiunto una stima delle concessionarie non dichiaranti sia sulla display che sull’e-mail marketing, una stima del mercato del search, non presente se non in piccolissima parte nei dati Nmr, una stima del mercato delle directories e una migliore stima del mercato mobile. I dati italiani sono a questo punto equiparabili a quelli dichiarati dagli altri paesi europei attraverso Iab Europe.

FONTE: lastampa.it