domenica 24 maggio 2009

Due italiani tra i 6 nuovi astronauti dell'Esa, per la prima volta una donna


Ci sono anche due italiani tra i nuovi astronauti dell'Agenzia spaziale europea. I due selezionati sono Samantha Cristoforetti, 32 anni, e Luca Salvo Parmitano, 33, entrambi piloti dell'Aeronautica Militare. Anche una donna nello spazio con L'Esa, quindi, ed è la prima volta per il nostro Paese. Tra i sei vincitori, oltre ai due italiani, figurano il tedesco Alexander Gerst, il danese Andreas Mogensen, l'inglese Timothy Peake e il francese Thomas Pesquet. 
Saranno loro a partecipare alle prossime missionisulla Stazione spaziale internazionale dal 2013 in avanti. I due nuovi astronauti incontreranno la stampa italiana domani, 21 maggio, dalle ore 11,15 a Palazzo Chigi, a Roma. «Siamo tutti estremamente soddisfatti - commenta il commissario straordinario dell'Agenzia spaziale italiana Enrico Saggese - per la scelta di due italiani» e «siamo particolarmente felici che tra loro ci sia una donna». «È la dimostrazione - aggiunge - che per l'Italia lo spazio è un settore importante e vitale, capace di attirare i nostri migliori talenti, e che in questo campo possiamo continuare nei prossimi anni a giocare un ruolo di primo piano a livello mondiale». 
Samantha, la neo astronauta dell'Esa, è figlia di un albergatore trentino, Sergio Cristoforetti ed è cresciuta a Malè, in Val di Sole. In passato si è sempre mostrata piuttosto schiva, senza fare gran parlare della sua passione e di come fosse nata. «È difficile spiegarlo o semplicemente raccontarlo» aveva detto qualche anno fa. Il suo percorso di studi del resto parte come quello di molte giovani, «senza esperienza militare, né parenti o amici in divisa». Il curriculum intanto cresce e al diploma e alla laurea si aggiunge, tra l'altro, l'iscrizione all'associazione aeronautica di Trento. Cristoforetti ora è tenente pilota di velivoli AM-X e AM-XT in servizio presso il 32/o Stormo di Amendola (Foggia). Tra le prime donne a diventare pilota militare, a soli dieci anni dall'ingresso femminile nelle Forze armate italiane. Laureata con il massimo dei voti in scienze aeronautiche all'Accademia di Pozzuoli, ha conseguito un master online quinquennale dalla Riddle Aeronautical University, di Daytona Beach, in Florida. Fin dall'Accademia, nel corso Borea V, si è distinta per le sue capacità: nel 2004 ha ricevuto la Sciabola d'Onore. È stata la prima ragazza a ricevere il premio, assegnato all'allievo che per i primi tre anni di corso è sempre risultato primo nel ruolo di appartenenza. Ha fatto parte del 70/o stormo di Latina, del 61/o Stormo di Lecce e del 51/o Stormo di Istrana, ottenendo, tra le altre, le abilitazioni per velivolo jet T-37, MB339CD e MB339A.
È Luca Salvo Parmitano, infine, capitano del centro sperimentale volo di Pratica di Mare, l'altro italiano ad entrare oggi nel corpo degli astronauti dell'Esa. Nato a Paternò, in provincia di Catania, il 27 settembre del 1976 Parmitano, dopo aver frequentato l'Accademia Aeronautica con il Corso Sparviero IV e ottenuto la laurea in scienze politiche presso l'Università Federico II di Napoli, si è specializzato negli Stati Uniti presso la scuola di volo per piloti militari Euro-Nato Joint Pilot Training di Sheppard, in Texas. Si occupa tra l'altro del collaudo di nuovi velivoli. Il capitano Parmitano ha al suo attivo circa duemila ore di volo, di cui più di mille su velivolo Am-X. È qualificato su circa 20 aerei ed elicotteri differenti ed ha volato su oltre 40 velivoli diversi. Nel 2007 è stato insignito della Medaglia D'Argento al Valore Aeronautico.

FONTE: ilmessaggero.it