giovedì 11 giugno 2009

Wave contro Bing. Botta e risposta tra Google e Microsoft


Redmond annuncia che il 3 giugno sarà disponibile un nuovo motore di ricerca che promette di essere ultra preciso. Mountain View replica presentando il progetto Wave, una piattaforma in grado di concentrare in unico servizio e-mail, messaggistica istantanea, condivisione di documenti, foto e mappe

Botta e risposta in meno di 24 ore tra Microsoft e Google. Ieri, Redmond ha annunciato che il 3 giugno sarà disponibile per tutti Bing, uno nuovo motore di ricerca che promette di essere ultra preciso. Oggi, Mountain View ha presentato il progetto Wave, una piattaforma in grado di concentrare in unico servizio e-mail, messaggistica istantanea, condivisione di documenti, foto e mappe.

La nuova creatura di Page e Brin sarà accessibile solo fra qualche mese e consentirà a singoli gruppi di utenti di comunicare e collaborare tra loro. Il nome deriva dalla struttura del servizio: tutto comincia con un messaggio creato da un singolo navigatore che darà vita a un’onda (wave in inglese). Questo flusso potrà essere modificato e integrato da tutti coloro che lo riceveranno, creando una sorta di effetto valanga. Per fissare un appuntamento, per esempio, si potrà inviare una e-mail, allegando una mappa con il luogo di ritrovo e un promemoria che gli altri utenti potranno inserire nel proprio calendario elettronico.

E mentre Google insegue nuovi progetti, Microsoft cerca di rosicchiare terreno al rivale proprio dove Mountain View è più forte, ovvero l’elaborazione di algoritmi per la ricerca di informazioni sulla Rete. Bing promette di rendere più semplici e veloci le ricerche legate alle attività di tutti i giorni: acquistare oggetti, prenotare viaggi, ottenere informazioni mediche credibili e molto altro. Il motore di Redmond è fondato sulle tecniche di ricerca semantica, che interpretano l'argomento della ricerca basandosi sulle domande e le parole utilizzate.

FONTE: Luca Bolognini (quotidiano.net)