martedì 16 giugno 2009

Il tavolo hi-tech per videoconferenze


LE RIUNIONI di lavoro, come tutti sanno, possono essere assai noiose. Soprattutto se necessitano della nostra presenza, se per arrivare alla riunione bisogna viaggiare, magari in orari scomodi e sempre di fretta. A risolvere il problema, da diversi anni, ci sono dei sistemi di teleconferenza e di telepresenza che ovviano alla necessità di essere tutti insieme nello stesso momento. Ci si riunisce, insomma, senza riunirsi, in maniera virtuale. Le tecnologie digitali arrivano, insomma, anche nelle sedi più ufficiali, e a questo target si rivolge il V2V, il primo tavolo da riunione che propone un sistema integrato di telepresenza in alta definizione realizzato da Poltrona Frau in collaborazione con Videoworks. Cos'è? una vera e propria sala riunioni supertecnologica, che però è in grado di la qualità tecnica e la funzionalità con l'estetica e il design, per permettere riunioni virtuali che siano il più possibile "reali", attraverso una resa video elevatissima e sistema audio direzionale che consentano di comunicare a distanza con la stessa naturalezza della presenza diretta. Come funziona? V2V nasconde infatti al suo interno un sistema di movimentazione meccanico che permette l'apertura e la chiusura a scomparsa di 3 monitor da 58" (Video HD), 3 monitor da 32" (Dati) e 3 sistemi di videoconferenza HD. Il passaggio da una modalità all'altra è facile ed immediato: attraverso un comando del touch panel che controlla il sistema di regia si può dare vita alla telepresenza in alta definizione. V2V, insomma, non è un tavolo come tutti gli altri, ma volendo si trasforma da tavolo per riunioni tradizionali in grado di ospitare fino a 22 persone.

FONTE: ERNESTO ASSANTE (repubblica.it)