venerdì 10 luglio 2009

Un software contro gli spioni del Pc


Cosa non saremmo disposti a fare per proteggere almeno un po’ della nostra privacy mentre lavoriamo su un computer? Come fare per evitare che i colleghi sbircino nel nostro schermo per vedere cosa stiamo facendo? A risolvere il problema due prodotti appena presentati da una start-up di Baltimora, la Oculis Labs, che utilizzano addirittura il riconoscimento dei movimenti oculari per nascondere i contenuti ad occhi indiscreti.

CAMALEONTE - La prima soluzione, destinata a contenuti molto preziosi, si chiama Chameleon (camaleonte): una telecamera integrata in un particolare laptop studia per quindici secondi i movimenti oculari del proprietario. Dopo che il software si è abituato alle abitudini di lettura del possessore modifica tutte le parti di testo che non vengono lette in quel preciso momento. Il risultato per qualcuno che volesse curiosare su uno schermo dotato di Chameleon, è una collezione di parole senza senso che si spostano e cambiano in modo da rendere assolutamente incomprensibile il testo. Un sistema di cifratura molto sofisticato che sembra aver già interessato il dipartimento di Difesa Usa.

PRIVATE EYE - L’altro prodotto, decisamente più alla portata del mercato consumer si chiama Private Eye ed è una soluzione esclusivamente software adatta qualsiasi pc dotato di videocamera. È pensato per tipi di spionaggio meno pericolosi ma che possono creare problemi in ufficio. Il software in questione offusca lo schermo e i suoi contenuti non appena il proprietario interrompe la lettura spostando gli occhi altrove. La videocamera riconosce il movimento oculare. Se poi qualcuno sbuca alle spalle di chi ha montato PrivateEye, nel raggio d’azione della videocamera, il software ritaglia il suo volto e lo mostra in un angolo in alto a sinistra. Se l’intruso sta effettivamente sbirciando il monitor altrui si riconoscerà nel riquadro in evidenza e saprà di essere stato colto sul fatto.

MERCATO - Il fondatore di Oculis Labs, Bill Anderson, è sicuro che i due prodotti, in ambiti diversi, conquisteranno il mercato. Per Chameleon, oggi in vendita a 10mila dollari, sarà forse necessario attendere la riduzione dei costi dei componenti ottici; mentre Private Eye è già in vendita a 20 dollari sul sito dell'azienda, e stando alle dichiarazioni di Anderson, uno tra i primi quattro produttori di Pc sta pensando di inglobare l’applicativo direttamente nei laptop disponibili sul mercato a partire dal prossimo anno. Un video dimostrativo dei due prodotti è stato pubblicato sulle pagine del Baltimore Sun.

FONTE: Gabriele De Palma (corriere.it)