giovedì 3 giugno 2010

A Guatemala City la "porta dell'inferno"


Impressionante buco in una foto pubblicata dallo stesso governo del Paese. E' un fenomeno naturale

Una foto impressionante sta facendo il giro del web: la terra si è aperta a Guatemala City creando una voragine grande abbastanza da inghiottire un intero palazzo. Niente fotoritocco: l'immagine è vera ed è stata pubblicata dal governo del Guatemala sulla propria pagina Flickr, che raccoglie altre immagini delle devastazioni provocate dalla tempesta Agatha nel Paese latino-americano. La voragine, larga 15 metri e profonda decine di metri (da 60 a 100, a seconda delle valutazioni), si deve a fenomeni geologici noti, legati alla natura carsica del suolo, al collasso di un sistema di drenaggio dell'acqua e alla inesistente programmazione urbanistica. Le notizie dalla zona parlano di un palazzo di 3 piani e di una casa inghiottiti dal "buco", ma non ci sono conferme su vittime.

BILANCIO TRAGICO - Intanto il bilancio del passaggio di Agatha sull'America Centrale è salito a oltre 150 vittime. Proprio in Guatemala le autoritá hanno confermato 123 vittime, mentre 14 persone hanno perso la vita in Honduras e nove a El Salvador. In tutti e tre i Paesi le autoritá hanno proclamato lo stato d'emergenza, mentre i soccorritori lavorano per portare aiuto ai villaggi più colpiti da piogge e inondazioni. In Guatemala, dove sono caduti oltre 90 centimetri di pioggia, decine di migliaia di persone sono state trasportate in sistemazioni di fortuna, mentre nella capitale si è aperta una voragine nel suolo che ha inghiottito due interi edifici. Il principale aeroporto guatemalteco è ancora chiuso a causa dell'eruzione del vulcano Pacaya della scorsa settimana, provocando un forte rallentamento nell'arrivo degli aiuti internazionali. Secondo il presidente Alvaro Colom, la devastazione che stanno provocando le forti piogge potrebbe rivelarsi peggiore di quella causata dagli urgani Mitch nel 1998 e Stan nel 2005, che fecero rispettivamente 268 e 1.967 morti in Guatemala.

FONTE: corriere.it

Festa dell Repubblica, piovono gli attestati di stima verso il Comparto Sicurezza e difesa


IERI 2 GIUGNO SI E' CELEBRATA LA FESTA DELLA REPUBBLICA: "MANDO IL MIO PERSONALE RINGRAZIAMENTO E AMMIRAZIONE A TUTTI GLI APPARTENETI DEL COMPARTO SICUREZZA E DIFESA CHE OGGI PURTROPPO, SONO RIMASTI I SOLI A SVOLGERE OGNI GIORNO UN SERVIZIO UTILE ALLA COLLETTIVITA' CON LEALTA' E SINCERO ATTACCAMENTO AL DOVERE. PURTROPPO RAPPRESENTANO UNA CATEGORIA PIU' VOLTE VESSATA E CALPESTATA NEI SUOI DIRITTI, LO SI CAPISCE DA MOLTI SEGNALI ARRIVATI RECENTEMENTE, COME LA FORMA DI PROTESTA MESSA IN ATTO DALL'APPUNTATO IN CONGEDO FORZATO AGOSTINO DE PASQUALE, IL QUALE E' COSTRETTO A MANIFESTARE CON LO SCIOPERO DELLA FAME PER VEDERE RICONOSCIUTO UN SUO SACROSANTO DIRITTO. TUTTO QUESTO AVVIENE NELL'ASSOLUTO ACCONDISCENDENTE SILENZIO DEI MEZZI DI INFORMAZIONE. PURTROPPO VIVIAMO IN UN SISTEMA ISTITUZIONALE CHE SI ACCORGE DEI SUOI PIU' FEDELI SERVITORI SOLO QUANDO E' ORMAI TROPPO TARDI, MAGARI DOPO AVER SACRIFICATO PER IL BENE DEL PROPIO PROSSIMO, LA COSA PIU' PREZIOSA: LA PROPIA VITA".

LO DICHAIRA SALVATORE DE MAIO APPARTENENTE ALL'ARMA DEI CARABINIERI REDUCE DA UN AGGUATO DELLA MAFIA A PALERMO

Prima Difesa in prima linea per difendere i diritti di tutti gli operatori appartenenti al comparto sicurezza e difesa


PRIMA DIFESA, ASSOCIAZIONE CHE SI OCCUPA DI DIFENDERE GLI APPARTENENTI AL COMPARTO SICUREZZA E DIFESA SI RECHERA' IN PIAZZA SAN BERNARDO ANGOLO VIA XX SETTEMBRE DOVE INCONTRERA' L'APPUNTATO IN CONGEDO DELL'ARMA DEI CARABINIERI AGOSTINO DE PASQUALE, IL QUALE, PER FAR VALERE I SUOI DIRITTI E PROTESTARE CONTRO LE ISTITUZIONI SORDE, ATTUERA' LO SCIOPERO DELLA FAME I GIORNI 3 - 4 E 5 giugno 2010.

L'ASSOCIAZIONE INCONTRERA' AGOSTINO DE PASQUALE PER ASCOLTARE LE MOTIVAZIONI CHE LO HANNO PORTATO AD ATTUARE UN GESTO DI PROTESTA COSI' ESTREMO.

Nota per la stampa di SIMONA CENNI - PRESIDENTE DELL'ASSOCIAZIONE PRIMA DIFESA