giovedì 5 agosto 2010

Energia marina, secondo studio ha doppia potenzialità di nucleare


Ma occorreranno ancora anni per sviluppare tecnologie economiche


Uno studio realizzato da Frost & Sullivan mette in luce che l'energia tratta dal mare (grazie al moto ondoso, le maree, le correnti) costituisce una risorsa più affidabile e prevedibile rispetto a fonti come l'eolico e il solare, con un potenziale in grado di soddisfare il 20 per cento dell'attuale domanda elettrica mondiale. A livello mondiale l'energia da mare ha un potenziale stimato in 6.000 terawattora annui (ossia il doppio di quanto produce tutto il nucleare del mondo) per gli impianti a moto ondoso e di altri 700 TWh per quelli alimentati dalle maree: un mercato che potrebbe arrivare a mille miliardi di dollari. Tra i vantaggi di questa fonte, rispetto alle altre rinnovabili come eolico e solare, c'è la maggiore prevedibilità della produzione. Già ora governi e aziende stanno investendo molto nel settore: come Gran Bretagna, dove si dedicano decine di milioni di sterline in diversi progetti e nella ricerca. Con la crisi finanziaria però c'è stato un rallentamento e alcuni progetti sono stati messi in stand-by o abbandonati, come l'impianto da 9 milioni di euro per sfruttare il moto ondoso che doveva essere realizzato ad Agucadoura in Portogallo da Pelamis Wave Power e Babcock & Brown. Occorreranno almeno altri 5-10 anni, stima il rapporto, prima che le tecnologie escano dalla fase dimostrativa e i costi inizino a scendere. L'ostacolo maggiore sono i grossi investimenti necessari: attualmente il costo di un megawatt di potenza per un impianto a moto ondoso è di circa 2,4 milioni di euro. Si tratta di un valore elevato, "ma non più di quello di altre tecnologie già ampiamente sovvenzionate", sostiene il rapporto.

FONTE: lastampa.it