lunedì 13 settembre 2010

Miss Italia: crisi di pianto per Alessia, la presunta finalista transessuale


La numero 53 del Lazio non ha passato il turno nella serata dedicata all'eleganza


Alessia Mancini, la Miss Lazio indicata come il fantomatico trans a Miss Italia, ha pianto stasera nella diretta di Raiuno per la seconda finale del concorso, quando la conduttrice Milly Carlucci è tornata sull'argomento con l'intenzione dichiarata di metterci un «punto fermo» affinchè non se ne parli più.

La ragazza era stata eliminata da poco nella prima fase di gara per Miss Eleganza quando Milly Carlucci ha riaperto l'argomento, con la 'patron' Patrizia Mirigliani che ha letto un duro comunicato a tutela della privacy di tutte le concorrenti, tornando a ipotizzare la valutazione di eventuali azioni legali della miss e del concorso.

Quando Milly le ha chiesto se voleva prendere la parola, Alessia è apparsa pronta, con il microfono in mano, ma non ha retto la tensione e appena ha cominciato a rivolgersi al pubblico è stata scossa dalla commozione e si è interrotta. Quando è riuscita a riprendersi, ha ringaziato lo stilista Guillermo Mariotto che, in giuria, l'aveva dato un voto alto (9 su 10) che però non è bastato e il televoto l'ha poi eliminata. «Sei favolosa - le ha risposto Mariotto - io ti ho votata. Prendila come una grande chance: c'è sempre il rovesco della medaglia e ora sei al centro dell'attenzione, cogli l'opportunnità»'.

Poi ha preso la parola Sandro Mayer, direttore del periodico DiPiù, che ha ricordato come Alessia sia la miss che, sfogandosi al confessionale della web tv Miss Italia Channel, aveva pianto per il fidanzato che l'aveva lasciata dopo quattro anni di rapporto criticandola per la sua decisione di proseguire con il concorso dopo le prime selezioni locali. «Ho saputo - ha detto Mayer - che il tuo fidanzato si è rifatto vivo e che vuole vederti».

Alessia si è poi nuovamente alterata quando è stata accusata da Signoretti di Stop di aver montato insieme al suo agente "il caso trans" proprio per attirare l'attenzione su di sè: «Da giorni la stampa non parla d'altro, sicuramente molto di più della Miss Cinema eletta ieri». «Non è vero», ha protestato Alessia, questa è un'altra di quelle «cattiverie» che i giornali continuano a scrivere.

FONTE: lastampa.it