sabato 14 aprile 2012

Pioggia e vento su tutta l'Italia. «Colpiti dal mini-ciclone Lucy»


Sanò (ilMeteo.it): durerà altri 3 giorni. «Ma niente allarmismi»

Ora ha anche un nome, Lucy, la perturbazione, o mini-ciclone secondo alcuni meteorologi, che da venerdì annacqua più o meno tutta la Penisola. «Così l'hanno chiamata - spiega Antonio Sanò, titolare del sito ilMeteo.com - al centro meteorologico di Offenbach, in Germania. Lì hanno l'abitudine di dare un nome alle perturbazioni più violente. Non è solo un vezzo o una curiosità, serve a distinguerle meglio, per fare confronti o paragoni».

Lucy è secondo Sanò un mini-ciclone: «Attenzione, niente a che vedere con i cicloni di tipo americano. Però anche qui abbiamo venti che soffiano a 80-100 chilometri l'ora intorno all'occhio della perturbazione, che era in mezzo al Tirreno, ma da venerdì sera si sta spostando verso le coste del Sud: Campania, Basilicata, Calabria e anche Sicilia, causando piogge e mareggiate con onde anche di 6-7 metri». Per il resto sull'Italia continua a piovere e non smetterà, almeno fino a martedì, con qualche timida schiarita prevista solo per domani mattina. Tanto nel pomeriggio sull'Italia si abbatterà una nuova perturbazione, meno violenta, ma altrettanto fastidiosa, con piogge e acquazzoni sparsi che andranno avanti più o meno fino a domenica prossima. Quando, sempre secondo Sanò, scoppierà finalmente la primavera. Con un ponte del 25 aprile caldo e soleggiato.

Ma in attesa del bel tempo, l'Italia sguazza nell'umidità, con tutto quello che ne consegue: penalizzata soprattutto la Sardegna, con nubifragi e frane che all'alba di venerdì hanno causato anche un incidente stradale mortale nella provincia del Medio Campidano, nel sud dell'isola. E per la prima volta il sindaco di Nuoro emana un'ordinanza di chiusura delle scuole per le piogge. Non va meglio sull'altra sponda del Tirreno: all'Isola del Giglio una nave merci russa è stata costretta a gettare l'ancora per le forti correnti davanti a Campese. E sempre a proposito di isole, Lampedusa e Linosa sono rimaste isolate, con i collegamenti marittimi sospesi per maltempo. Problemi anche per i voli, soprattutto al Sud: per le forti raffiche di scirocco l'aeroporto di Palermo ne ha fatti dirottare parecchi su Trapani e Catania.
Annullati anche alcuni eventi e concerti: quello di sabato sera in piazza Duomo a Milano, per dare il via alla Milano City Marathon, in programma domenica. Niente corsa Strabologna, mentre a Napoli sabato sera non canterà Francesco Renga al Villaggio dell'America's Cup World Series, che è stato chiuso e poi riaperto venerdì pomeriggio.

La Protezione civile manterrà anche per sabato (è il terzo giorno consecutivo) l'allerta meteo. «Ma non parliamo di cicloni, per carità - commenta Paola Pagliara, responsabile del Centro previsioni e allertamento del rischio meteo e idrogeologico dell'ente -. Si è creato un allarmismo ingiustificato per una normale depressione mediterranea, significativa, fastidiosa e lunga, ma assolutamente nella norma. È una grave leggerezza spaventare così i cittadini, che infatti venerdì hanno chiamato in tantissimi le nostre sedi locali, chiedendo istruzioni». La Protezione continuerà a monitorare la situazione anche sabato: «In alcune zone, dalla Toscana all'Emilia, al Veneto, le piogge di questi giorni sono benefiche perché già si prospettava il rischio siccità. Ma per favore, non parliamo di Lucy».

FONTE: Ester Palma (corriere.it)