sabato 19 maggio 2012

Brindisi, bomba davanti a una scuola.


Morta una ragazza di 16 anni, gravissima una sua compagna. Sette i feriti


È viva Veronica Capodieci, di 16 anni, che sembrava essere la seconda vittima dell'attentato a Brindisi, secondo informazioni fornite dalla polizia in alcuni concitati momenti sul luogo dell'esplosione. Ne dà notizia la direzione sanitaria dell'ospedale, spiegando che le condizioni di Veronica rimangono gravissime ma sono stabili.

Stamattina nell'esplosione avvenuta davanti all'istituto professionale "Morvillo-Falcone" è invece morta dopo la sua compagna Melissa. Sette i feriti, tutti ricoverati nell'ospedale "Perrino" di Brindisi. L'ordigno, collocato davanti a un muretto della scuola e non in un cassonetto come ipotizzato in un primo momento, è esploso questa mattina intorno alle 7,45-7,50.


L'ordigno era composto da tre bombole di gas collegate tra loro. Gli investigatori, secondo quanto si apprende, non hanno però ancora stabilito il tipo di innesco che ha dato il via all'esplosione.

«È stato fatto per uccidere: a quell'ora le ragazze entravano, proprio a quell'ora. Fosse accaduto alle 7,30 non ci sarebbe stata nessuna conseguenza». Lo dice all'Ansa Angelo Rampino, il preside dell'Istituto professionale Morvillo Falcone di Brindisi dove stamani è avvenuta l'esplosione.


«È stato fatto per uccidere: a quell'ora le ragazze entravano, proprio a quell'ora. Fosse accaduto alle 7,30 non ci sarebbe stata nessuna conseguenza». Lo dice all'Ansa Angelo Rampino, il preside dell'Istituto professionale Morvillo Falcone di Brindisi dove stamani è avvenuta l'esplosione.

L'attentato è di «una crudeltà senza precedenti». Così il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri a Sky tg24. Quanto alla pista mafiosa, il ministro chiarisce che «non abbiamo elementi per poterlo dire con certezza anche perchè è una tipologia di attentato non consueto, non tipico dei messaggi di mafia».


Roberto Saviano scrive su Twitter: «Un pensiero a Melissa e alle vittime. Ciò che mi distrugge è che l'obiettivo fosse proprio la scuola». Lo scrittore sottolinea che «molti sono concordi su Sacra Corona Unita».

Le scuole a Brindisi sono state abbandonate dagli studenti e dagli alunni che i genitori hanno preferito riportare a casa. Lo si apprende dal sindaco, Mimmo Consales, che appena si è diffusa la notizia dell'attentato si è recato alla scuola e poi in ospedale. Non c'è stato alcun ordine di evacuazione che peraltro - fanno notare al dicastero di viale Trastevere - sarebbe potuto arrivare soltanto dal ministero dell'Interno.


«Ci sono troppe coincidenze in questa vicenda. Mi auguro che siano solo tali, anche se in questo momento la nostra unica preoccupazione è quella dei ragazzi». Lo ha detto il sindaco di Brindisi, Mimmo Consales. 
Le "coincidenze" citate dal sindaco riguardano l'arrivo oggi a Brindisi della Carovana antimafia, il fatto che l'attentato sia avvenuto a qualche giorno dal ventesimo anniversario della strage di Capaci dinanzi ad un istituto intitolato a Francesca Morvillo e a Giovanni Falcone.


Troppe «coincidenze» per escludere che dietro l'esplosione all'istituto Falcone-Morvillo di Brindisi non ci sia un attentato criminale. A non escluderlo, è il parroco della Chiesa del Cristo a Brindisi, che riflette: «è significativa la data. A giorni ricorrerá l'anniversario della strage di Capaci in cui morirono Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo. Ebbene, non mi pare casuale che la scuola dove è avvenuta l'esplosione sia proprio intitolata a loro. È chiaro che non si è trattato di una bravata», insiste il sacerdote.

Il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola si sta recando sul luogo. Qui si trova l'assessore regionale alla Protezione Civile, Fabiano Amati: «Ci sono i vigili del fuoco - racconta - non ci sono studenti, un muro della scuola è completamente annerito e ci sono detriti ovunque. È un disastro». Vendola e Amati andranno poi nell'ospedale per incontrare i feriti. Anche il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo è in partenza per Brindisi.

Anche il presidente della Repubblica «sta seguendo gli sviluppi delle indagini con apprensione e partecipe vicinanza ai familiari della vittima, ai feriti e all'intera collettivitá brindisina». Lo si legge in un comunicato dell'ufficio stampa del Quirinale.

FONTE: Enrico Marro - Il Sole 24 Ore