mercoledì 26 marzo 2014

Stipendi pubblici, dai dirigenti agli impiegati: mappa degli eccessi


Sprechi e paradossi, ecco le retribuzioni delle categorie pubbliche. Da oggi all'asta le auto blu


E' la Ragioneria Generale dello Stato a fornirci la fotografia delle retribuzioni dei dipendenti pubblici con tutti i i suoi eccessi e i paradossi. Ed allora si scopre che lavorare per meno di 4mila o 5mila euro al mese per i funzionari del corpo diplomatico è impensabile perché il 96,4% del personale in servizio ossia 890 unità sulle 923 monitorate nel 2012 guadagna più di 80mila euro lordi l'anno.
A dare conto di tutti gli stipendi pubblici è il Sole 24 Ore che passa in rassegna tutte le retribuzioni. Per quanto riguarda i magistrati, poi, circa 9 casi su dieci superano questa soglia retributiva. Per quanto riguarda i prefetti, tutti - secondo il Sole 24 Ore - percepiscono una retribuzione lorda superiore ai 60mila euro l'anno (tra i 3mila e i 3500 euro mensili) che in oltre il 60% dei casi va oltre gli 80mila euro. Nel pianeta del pubblco impiego sono 117mila i funzionari, i dirigenti o i semplici addetti che guadagnano oltre 80mila euro lordi annui. Ci sono poi 224.273 travet che guadagnano più di 60mila euro (tra i 3mila e 3,500 euro al mese).
Le retribuzioni dei commissari e dei presidenti delle Autority sono al di sotto del tetto agli stipendi dei vertiti della Pubblica amministrazione introdotto dal 2013 ma che sono abbondantemente al di sopra di quella del capo dello Stato (239.181 euro lordi). Sempre la Ragioneria Generale, ci fa sapere che alla Presidenza del Consiglio tutto il personale guadagna più di 40mila euro lordi l'anno e che in 488 casi sui circa 2400 in servizio la retribuzione supera i 70mila euro l'anno. In fondo alla classifica ci sono i vigili del fuoco: solo 187 guadagnano più di 60 mila euro, tutti gli altri considerano un miraggio una paga superiore ai 2.200 euro netti.
FONTE: affaritaliani.it