sabato 25 ottobre 2014

BATTUTA L’AQUILA 53 A 14: PER LE FIAMME SI APRONO LE PORTE DELLA SEMIFINALE DEL TROFEO


                                                                             (ph. Paolo Cerino)

Presutti: “Abbiamo saputo mantenere alta la concentrazione anche a risultato oramai acquisito. Ora dovremo mettere la stessa attenzione nelle prossime partite di campionato, a cominciare da quella di sabato prossimo con il Petrarca”

IL COMMENTO
Roma – Con otto mete le Fiamme regolano la pratica L’Aquila e raggiungono la certezza matematica di disputare la semifinale del Trofeo Eccellenza.
Oggi, sul sintetico della caserma “S. Gelsomini”, i ragazzi di Pasquale Presutti hanno dato dimostrazione di maturità mettendo subito al sicuro il risultato. Le otto mete segnate la dicono lunga sull’andamento di un match che, fin dai primi minuti, non è mai stato in discussione. Il pacchetto di mischia cremisi ha letteralmente dominato su quello neroverde, con la prima linea delle Fiamme sugli scudi e dalla quale sono scaturite ben quattro delle otto mete messe a segno oggi.
“Abbiamo giocato un buon match – ha detto il coach delle Fiamme Pasquale Presutti – e nonostante il punteggio fosse acquisito da tempo abbiamo comunque tenuto alta la concentrazione. È una buona iniezione di fiducia in vista delle partite che andremo a giocare in campionato, a partire da quella contro il Petrarca sabato prossimo”.

LA CRONACA
Lo score si sblocca dopo tre minuti con Carlo Canna che mette a segno i primi tre punti dalla piazzola: 3-0. Il vento, che oggi ha soffiato forte sul campo di Ponte Galeria, non rende la vita facile ai calciatori delle due squadre; infatti l’estremo aquilano Simone Matzeu fallisce per tre volte, nel giro di quattro minuti, il calcio che potrebbe portare i due team in parità. Al 13’ Alessio Ceglie, su azione susseguente ad una touche, si impossessa del pallone e va in meta: 8-0. Al 23’ arriva la seconda meta per i cremisi, rimasti nel frattempo in 14 per il giallo ad Alessio Ceglie, con un’azione fotocopia della prima, ma stavolta a segnare altri cinque punti sul tabellino è Fabio Cocivera: 13 a 0. Il pack delle Fiamme mostra tutta la sua superiorità e al 30’ è ancora un uomo di prima linea ad andare in meta, ma con un’azione degna di un’ala: Giuseppe Cerqua si invola sul lato destro del campo e, resistendo ai tentativi di placcaggio degli avversari, schiaccia oltre la linea e fa 18 a 0. Sei minuti dopo, al 36’, Alessio Ceglie assicura il bonus offensivo alle Fiamme segnando la quarta meta, sempre su azione susseguente ad una touche: 25 a 0 dopo la trasformazione di Carlo Canna. Sullo scadere del tempo, al 40’ arriva la reazione degli abruzzesi con Alessio Mattoccia che sfugge alla difesa dei padroni di casa e segna i primi punti per L’Aquila. La trasformazione di Simone Matzeu manda le squadre al riposo sul 25 a 7.
Passano solamente due minuti dall’inizio del secondo tempo che il capitano cremisi, Giovanni Massaro (oggi man of the match), riesce a trovare un buco al centro tra le maglie avversarie e schiaccia la quinta meta: 32 a 7, dopo la trasformazione di Canna. Pasquale Presutti decide di dare un po’ di riposo ai suoi ragazzi in campo e dà il via alla girandola delle sostituzioni. Nel frattempo L’Aquila reagisce e preme i padroni di casa nella propria metà campo. Una pressione che dà i suoi frutti al 17’, quando Nicola Rettagliata mette a segno la seconda meta neroverde. La trasformazione di Marco Ferrini porta le squadre sul 32 a 14. Ma le Fiamme non ci stanno e al 25’ arriva la meta di punizione assegnata dall’arbitro Meconi. Benetti trasforma e le Fiamme fanno 39 a 14. Ma non è finita, c’è ancora tempo per altre due mete che arrivano al 31’, con Andrea Bacchetti (autore anche della trasformazione) dopo una splendida azione iniziata da un calcetto a seguire di Nicola Benetti per Giovanni Massaro, e con Matteo Gasparini che al 35’ mette il sigillo finale sul match con l’ottava meta, della cui trasformazione si incarica lo stesso Gasparini. Il signor Meconi dice che può bastare e chiude l’incontro sul 53 a 14.


IL TABELLINO

Sabato 25 ottobre 2014 ore 15.00
Caserma “S. Gelsomini”
II giornata Trofeo Eccellenza 2014/15
Fiamme Oro Rugby v L’Aquila Rugby Club 53-14  (25-7)

Marcatori:
PRIMO TEMPO: 2’ cp Canna (3-0)13’ m Ceglie (8-0); 23’ m Cocivera (13-0); 30’ m Cerqua (18-0); 36’ m Ceglie tr Canna (25-0); 40’ m Mattoccia tr Matzeu (25-7)
SECONDO TEMPO: 2’ m Massaro tr Canna (32-7); 17’ m Rettagliata tr Ferrini (32-14); 25’ meta di punizione FFOO tr. Benetti (39-14); 31’ m Bacchetti tr Bacchetti (46-14); 35’ m Gasparini tr Gasparini (53-14).

Fiamme Oro Rugby: Barion (1’ st Sapuppo), Andreucci, Di Massimo, Massaro, Bacchetti, Canna (3’ st Benetti), Calabrese (15’ st Gasparini), Balsemin, Favaro (9’ st Perrone), Zitelli (1’ st Duca), Mammana, Cazzola, Ceglie (20’ st Pettinari), Cerqua (15’ st Lombardo), Cocivera (1’ st Naka)
All. Pasquale Presutti

L’Aquila Rugby Club: Matzeu (15’ st Palmisano), Ferrini, Mattoccia, Panetti, Crotti (26’ st Ciofari), Forte, Leone (26’ st Carnicelli), Ceccarelli (1’ st Catelan), Di Cicco, Gorla, Cialone, Flammini (10’ st Caila), Subrizi (1’ st Iovenitti, 26’ st Di Roberto), Cocchiaro (1’ st Rettagliata), Di Roberto (1’ stMilani)
All. Massimo Di Marco

Arbitro sig. Meconi (Roma)
Cartellini gialli: Ceglie (FFOO) 15’ pt; Crotti (AQ) 22’ pt; Cocchiaro (AQ) 38’ pt;
Man of the match: Massaro (FFOO)
Calciatori: FFOO : Canna 3/7 (cp 1/2, tr 2/5), Gasparini 1/1 (tr 1/1), Benetti 1/1 (tr 1/1), Bacchetti 1/1 (tr 1/1) ; L’AQUILA : Matzeu 1/5 (cp 0/4, tr 1/1), Ferrini 1/1 (tr 1/1)
Punti conquistati: Fiamme Oro Rugby 5, L’Aquila Rugby Club 0
Note: Spettatori 250 ca, temperatura 20°, campo in perfette condizioni

FONTE: Cristiano Morabito - Responsabile Ufficio Stampa Fiamme Oro Rugby