martedì 27 gennaio 2015

Spagna, si schianta un F-16 della Nato: 10 morti Anche dodici italiani tra le persone ferite

L’incidente vicino ad Albacete. Era un aereo greco del programma di formazione piloti
 
Tragedia nella base Nato di Llanos, ad Albacete in Spagna: un F-16 greco è precipitato durante la fase di decollo e si è schiantato su un hangar e su alcuni aerei parcheggiati, pronti al decollo e carichi di carburante, provocando quattro esplosioni. Ed un bilancio, ancora provvisorio, che conta almeno 10 morti e 19 feriti. Coinvolti anche 12 militari italiani, solo uno dei quali - informa il ministero della Difesa italiano - è ricoverato per le ustioni riportare, ma non è in pericolo di vita.  

L’F-16 greco partecipava al Tactical Leadership Programm (Tlp) della Nato, e secondo una prima ricostruzione, il caccia biposto «ha perduto potenza» nella manovra di decollo e si è schiantato su un hangar e su altri aerei fermi in parking, innescando una serie di esplosioni. Nell’impatto al suolo e nel successivo incendio si è sprigionata una densa colonna di fumo visibile a chilometri dalla base aerea. 

Fra le vittime i due piloti greci ai comandi del caccia e altri 8 militari che non sarebbero spagnoli, fa sapere il ministero della Difesa di Madrid precisando che tra i tredici feriti, sette sono in gravi condizioni, cinque in prognosi riservata e solo uno sarebbe stato dimesso. Questo bilancio potrebbe non includere i militari italiani che hanno riportato solo escoriazioni: facevano parte del personale che si trovava a terra, nei pressi dei velivoli che erano in attesa di decollare nell’area dove è precipitato il caccia greco. 

Il caccia è precipitato nella zona di addestramento della scuola di perfezionamento di piloti della Nato, dove al momento dell’impatto erano numerosi i piloti e i meccanici all’interno dell’hangar. La pista della base è stata chiusa e due aerei francesi, che partecipavano all’addestramento ed erano decollati poco prima, sono stati costretti ad atterrare nella base aerea di San Javier, a Murcia. Sul luogo della sciagura si è recato il capo dell’esercito spagnolo dell’aria, generale Francisco Javier Arnaiz, e si è diretto il ministro della Difesa, Pedro Morenes.

FONTE: lastampa.it