venerdì 19 giugno 2015

Iraq, l’Isis possiede missili anti-aerei


I miliziani dello Stato Islamico abbattono un jet iracheno

Sui cieli di Ramadi i miliziani dello Stato Islamico (Isis) sono riusciti ad abbattere un jet iracheno. Si tratta di un Sukhoi-25, di produzione russa, i cui resti sono stati fotografati e postati su Twitter, citando fonti sunnite dell’Anbar secondo cui “è precipitato in una palla di fuoco”.  
 
Il governo di Baghdad ancora non commenta l’episodio, che lascia intendere il possesso da parte di Isis di missili anti-aerei tipo-Stinger capaci di minacciare aerei ed elicotteri anche della coalizione internazionale. In precedenza Isis era riuscito ad abbattere un aereo militare giordano, catturando il pilota.  
 
Da tempo la coalizione internazionale teme l’arrivo degli Stinger sul teatro bellico iracheno: si tratta di missili a spalla anti-aerei, prodotti da più Paesi, che si ritiene provengano in gran parte dagli arsenali della Libia di Gheddafi, saccheggiati dai ribelli all’indomani della caduta del regime del colonnello. Il possesso di queste armi da parte di Isis può complicare di molto le operazioni delle forze regolari di Baghdad, sostenute dalle milizie sciite, per riconquistare l’Anbar perché ostacolano l’impiego dell’aviazione. 
 
FONTE: Maurizio Molinari (lastampa.it)