martedì 27 ottobre 2015

Da 20 a 12, ecco il «taglia Regioni» pd Ma c’è subito lo stop di Serracchiani

Debora Serracchiani, vicesegretaria del Pd e  presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia
 
Il vicesegretario e il piano fatto proprio dal governo: «Non è assolutamente in agenda» L’ordine del giorno di Morassut e Ranucci era stato promosso anche da «l’Unità»
 
Neanche il tempo di leggere il titolo sull’ Unità , «E ora tocca alle Regioni», che arriva lo stop di Debora Serracchiani, nel suo doppio ruolo di vicesegretaria del Pd e di presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia: «L’accorpamento delle Regioni? Assolutamente no. Governo e Pd non hanno in agenda nulla di simile». Uno stop che sarebbe condiviso da altri esponenti del governo, poco entusiasti dall’accelerazione. E che trova consensi, ma anche distinguo netti, tra i leghisti e in Forza Italia.
 
Tutto comincia l’8 ottobre, quando il senatore dem Raffaele Ranucci presenta un ordine del giorno che prevede la riduzione da 20 a 12 Regioni. L’odg, a sorpresa, viene fatto proprio dal governo. Ranucci ci vede un segno chiaro: «È evidente che si parte. Aspettiamo il referendum sulle riforme e prima della fine del 2016 finalmente comincerà la riorganizzazione delle Regioni». Ranucci ha presentato un ddl al Senato sul tema e uno analogo alla Camera è stato firmato da Roberto Morassut.
Non la vede affatto così la Serracchiani. Che spiega al Corriere della Sera : «Non si può mica cominciare dalla coda. E poi abbiamo appena deciso l’abolizione delle province. Accorpassimo ora le Regioni, sarebbe un triplo salto carpiato. Insomma, tutto è possibile, ma nell’interesse dei cittadini». La Serracchiani nega interessi personali: «Il Friuli-Venezia Giulia è anche una Regione a statuto speciale e quindi non è toccata neanche dal Titolo V, figuriamoci da questo. E poi noi stiamo già collaborando ampiamente con il Veneto. Abbiamo messo in comune la società che dà il credito alle imprese e al confine gestiamo insieme l’acqua e le questioni sul dissesto idrogeologico. Non mi spaventa la gestione comune di funzioni e competenze, anzi la auspico. Ma una frammentazione territoriale è pericolosa. Non a caso siamo definiti il Paese degli 8 mila campanili. Piuttosto riaggreghiamo i Comuni piccoli, sotto i 10 mila abitanti».

Il progetto di Morassut e Ranucci si basa sugli studi storici della Fondazione Agnelli: 12 macroregioni, che lasciano intatte solo Lombardia, Sicilia e Sardegna. Giovanni Toti, presidente ligure di Forza Italia e consigliere di Berlusconi: «Questo governo di danni ne ha fatti a sufficienza. C’è una furia riformatrice sgangherata, un’entropia pazzesca». Detto questo, Toti è favorevole alle macroregioni: «Ne bastano anche solo 5, quelle dei collegi delle Europee». Le piccole Regioni sono sul piede di guerra. Come il Molise, del governatore Paolo di Laura Frattura: «Non c’è un no pregiudiziale da parte nostra. Ma non si può smembrare la storia con una matita. Va bene accomunarci all’Abruzzo, ma non ha senso mandare Campobasso con la Puglia. Consiglio di ascoltare i territori: i confini devono essere legati alla storia e alla cultura».
 
FONTE: Alessandro Trocino (corriere.it)