sabato 16 luglio 2016

Fallito golpe in Turchia: 190 morti e 2900 arresti. Il governo: si valuta ripristino della pena di morte

Carri armati e scontri a fuoco nelle strade, bombardato il palazzo presidenziale: notte di caos nel Paese. Erdogan: «I golpisti pagheranno il loro tradimento». Tra le vittime 47 civili

La Turchia si è risvegliata in un clima surreale dopo il colpo di Stato fallito che dalla serata di ieri ha sconvolto il Paese. L’esercito lealista ha ripreso il controllo del Paese, scongiurando il golpe. La popolazione ha sfidato il coprifuoco imposto dai golpisti e si è opposta al colpo di Stato, addirittura in alcuni casi accerchiando i veicoli militari. Nella notte Erdogan, in fuga su un aereo privato dal quale avrebbe chiesto asilo - negato - alla Germania e forse anche alla Gran Bretagna è riatterrato a Istanbul, accolto da una folla festante di suoi sostenitori. Il presidente, che aveva chiesto ai turchi di scendere in strada, in tv ha promesso che i congiurati «pagheranno duramente» per «il loro tradimento che ha attentato all’unità e alla sovranità nazionale». L’ultimo bilancio parla di oltre 190 morti negli scontri che sono avvenuti nelle strade.

FONTE: lastampa.it