mercoledì 5 ottobre 2016

Migranti, recuperati 28 cadaveri Nati 3 bimbi sulla nave «Dattilo»

Durante 33 operazioni di soccorso sono state tratte in salvo 4655 persone: oltre diecimila quelle salite a bordo delle navi della Guardia Costiera in due giorni

Continua la tragedia nel Canale di Sicilia, dove in un giorno sono stati recuperati ventotto cadaveri di migranti. Il ritrovamento è avvenuto nel corso di 33 operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale Operativa di Roma della Guardia Costiera, durante le quali sono state tratte in salvo 4.655 persone. I migranti erano a bordo di 27 gommoni, 5 piccole imbarcazioni e un barcone, raggiunti tutti al largo delle coste della Libia. I 28 cadaveri si aggiungono ai dieci che erano stati recuperati due giorni fa, quando erano stati tratti in salvo altri seimila migranti.
Diecimila persone in due giorni
In due giorni, dunque, sono stati presi a bordo delle navi che operano nel Canale di Sicilia oltre diecimila migranti. Alle operazioni di ieri e della scorsa notte hanno partecipato Nave Corsi CP906 della Guardia Costiera, le motovedette CP302 e CP322 della Guardia Costiera di Lampedusa, una unità della Marina Militare italiana e una della Marina Militare irlandese, una unità del dispositivo Frontex, un mercantile, due rimorchiatori privati e navi delle organizzazioni non governative Moas, Life Boat, Open Arms e Watch the Med. 
Nati tre bimbi sulla nave della Guardia Costiera
Non solo morte. Sulla nave «Dattilo» della Guardia Costiera, giunta a Catania, con oltre mille migranti a bordo, sono venuti alla luce tre neonati: i piccoli sono in buone condizioni di salute.
 
FONTE: corriere.it