sabato 29 ottobre 2016

Immigrati, ecco quanto ci costa davvero accoglierli

Immigrati, ecco quanto ci costa davvero accoglierli
L’ultima stima complessiva è contenuta nella lettera indirizzata dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ai commissari Ue: ben 3,3 miliardi di euro solo quest’anno. A pesare di più sono le lunghe permanenze nei centri e le strutture temporanee: alberghi, camping e ostelli, che oggi ospitano ben 133.727 migranti

Quanto costa davvero l’accoglienza dei migranti? Da anni ballano vari numeri: 35 euro al giorno per un adulto, 45 euro per i minorenni. A pesare sono soprattutto i centri governativi e le strutture temporanee: alberghi, camping e ostelli, che oggi ospitano ben 133.727 migranti (918 milioni spesi nel 2015, il 60% in più quest’anno). L’ultima stima complessiva è contenuta nella lettera indirizzata dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ai commissari Ue: ben 3,3 miliardi di euro solo quest’anno. Sul fiume di denaro che il nostro Paese spende per l’emergenza profughi si gioca infatti un bel pezzo della partita con Bruxelles sulla nuova legge di bilancio. Trasporti, operazione di soccorso, sanità, stipendi del personale, centri d’accoglienza del Viminale: tante voci che sommate assieme raggiungono quella somma di miliardi indicata da Padoan all’Europa per fronteggiare l’emergenza migranti.

I costi maggiori per i salvataggi in mare. Nella sua lettera, il ministro dell'Economia scrive che le spese per le operazioni di salvataggio dei migranti, prima assistenza e cure sanitarie, protezione ed educazione per oltre 20mila minori non accompagnati sono stimate in 3,3 miliardi di euro nel 2016 (al netto dei contributi Ue) e in 3,8 miliardi nel 2017 in uno scenario stabile. Ma se il flusso di arrivi dovesse crescere si potrebbe arrivare a 4,2 miliardi di euro. Come si arriva a questa cifra? Secondo il ministero dell’Economia, «la maggior parte dei costi sono collegati ai salvataggi in mare, all’identificazione, al ricovero, ai vestiti, al cibo, ai costi di personale, operativi e di ammortamento di navi e aerei». Non sono invece inclusi «i costi addizionali dell’integrazione sociale». Vediamo meglio nel dettaglio.

Il peso dei trasporti e delle lunghe permanenze. Ben 881 milioni nel 2016 se ne vanno in operazioni di soccorso e trasporto dei migranti, 250 milioni in spese sanitarie, 89 milioni in stipendi del personale, 66 milioni in contributi alla Turchia nella gestione dei profughi (che diventeranno 99 milioni nel 2017). Ma come scrive la Banca d’Italia nella sua ultima relazione annuale, le spese maggiori sono dovute ai «lunghi tempi di permanenza nelle strutture di accoglienza per l’adempimento delle procedure di riconoscimento dello status di rifugiato».

La "macchina" del Viminale la più costosa. Gran parte dei fondi sono infatti assorbiti dalla macchina del Viminale. Stando al primo “Rapporto sull’accoglienza dei migranti” del ministero dell’Interno, «i costi della gestione ordinaria dell’accoglienza si attestano nel range di 30-35 euro per gli adulti e 45 euro per i minori accolti dai comuni». Ma attenzione: questi soldi non finiscono in tasca ai migranti, vengono invece dati agli enti gestori dei centri e servono a coprire le spese di gestione e a pagare lo stipendio degli operatori. Solo 2,5 euro, il cosiddetto “pocket money”, vengono dati ai rifugiati per le piccole spese giornaliere.

Oneri destinati ad aumentare. Come si legge nel Rapporto del Viminale, nel 2014 si sono spesi 139 milioni di euro per i centri governativi d’accoglienza, 277 milioni per le strutture temporanee, 197 milioni per i centri Sprar comunali. E ancora: per il 2015 il Viminale fissa «in 918,5 milioni le spese relative alle strutture governative e temporanee e in 242,5 milioni le spese relative ai centri Sprar, per un totale quindi di 1.162 milioni». Non solo. Visto l’aumento clamoroso dei migranti accolti (oggi ben 171mila rispetto ai 103mila del 2015), i costi sono destinati a lievitare
ulteriormente. Dal ministero dell’Interno avvertono infatti che «quest’anno prevediamo un 60% in più di costi, anche perché il nostro, da Paese di transito si sta trasformando sempre più in un Paese di permanenza dei flussi migratori».

FONTE: repubblica.it